La Chiesa della SS. Annunziata

La chiesa della Santissima Annunziata è forse l’edificio più amato e di cui i Guarenesi vanno più fieri. Anche questa chiesa, come quella intitolata a San Rocco, era situata appena fuori le mura, vicino alla porta di Val di Villa sulla strada che conduceva ad Alba.
La chiesa attuale fu costruita tra il 1699 e il 1738 su progetto dell’architetto Francesco Rachis conte di Carpeneto. Nella stessa area sorgeva già un edificio di culto più antico, che aveva subito nel corso dei secoli varie modifiche per adattare la chiesa all’aumento della popolazione.

Pregevole esempio di architettura sacra del ‘700 piemontese, l’edificio ha una pianta a croce greca ed è in stile barocco. L’interno colpisce soprattutto per le opere pittoriche che affrescano interamente le pareti, le vele e la cupola della chiesa. A titolo di esempio si possono citare le finte architetture, le marmoreggiature e una pala d’altare raffigurante l’Annunciazione, opera giovanile del pittore Guglielmo Caccia detto il Moncalvo.

La Santissima Annunziata fu sede di due compagnie religiose, una maschile, caratterizzata dall’abito costituito da un sacco color turchino, e una femminile, detta delle “Umiliate”, che indossavano un abito monacale di tonalità giallo chiaro.
Da alcuni anni la chiesa è oggetto di importanti lavori di consolidamento e restauro. Ne è stata a lungo testimonianza un’imponente struttura metallica collocata sulla facciata principale, progettata e realizzata in collaborazione con il Politecnico di Torino, che aveva la funzione di sostenere l’edificio.

Ulteriori informazioni alla pagina www.visitguarene.it/percorso-museale/chiesa-ss-annunziata